Addetti alla sicurezza, ulteriori novità

Addetti alla sicurezza, ulteriori novità

Queste sono le novità in pillole:

 a)  Risulta semplificata la tipologia della visita medica la cui certificazione va allegata alla domanda di iscrizione nell’elenco prefettizio; ora ogni addetto dovrà essere sottoposto ad una visita medica preassuntiva effettuata dal medico competente oppure dal Dipartimento di Prevenzione della ASL, da cui risultino accertate (solo) l’idoneità psico-fisica per lo svolgimento dell’attività, l’assenza di uso di alcol e stupefacenti.Non vanno più certificate ”la buona salute fisica e mentale, assenza di daltonismo, capacità di espressione visiva, di udito e di olfatto ed assenza di elementi psicopatologici, anche pregressi”. 

 

b) ll Ministero ha disposto un ulteriore “alleggerimento” dei servizi a talune attività, nella fattispecie agli “spettacoli di musica popolare contemporanea”, cioè in primis ai concerti, lasciando inalterato il peso dei medesimi servizi nelle discoteche e nei locali da ballo.Tale modifica potrà comunque costituire una valida motivazione per chiedere l’estensione di tale regime “alleggerito” anche per le aziende rappresentate dal SILB. 

c) La  nuova disposizione consente di svolgere, dal 18 luglio 2012 fino al 31 dicembre 2012 il servizio di vigilanza a chi ha presentato al Prefetto competente, da almeno 30 giorni, la domanda di iscrizione nell’elenco.Non occorre pertanto attendere la risposta del Prefetto e la conferma di questi dell’avvenuta iscrizione, essendo sufficiente – in caso di controllo-  esibire la domanda antecedente di almeno 30 giorni. 

Quello della assenza di un termine di scadenza entro cui le Prefetture sono tenute ad esaminare le domande e autorizzare ciascun addetto ad effettuare il servizio, attribuendogli anche il numero di iscrizione nell’elenco – paralizzando di fatto a tempo indeterminato l’espletamento dei servizi – è uno dei problemi principali sollevati dalla delegazione del SILB al Prefetto Tomao in occasione dell’incontro svoltosi di recente al Ministero dell’Interno.Se pur transitoriamente il Ministero è dunque venuto concretamente incontro alle esigenze rappresentate dal SILB.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

P.zza G. G. Belli, 2 - 00153 Roma
Tel.: +39 06 583921 Fax: +39 06 58348955
silb@pec.it

info@silb.it

© 2013 - 2015 SILB - Tutti i diritti riservati - C.F. 97016090587 | Privacy Policy | Informativa utilizzo cookies| Powered by SIXTEMA S.p.a