Attività di trattenimento danzante non autorizzata in stabilimento balneare. Conseguenze sull’attività principale.

Attività di trattenimento danzante non autorizzata in stabilimento balneare. Conseguenze sull’attività principale.

A cura dell’ Avv. Attilio Pecora

 

In merito al sempre più frequente caso dell’organizzazione di trattenimenti danzanti non autorizzati presso gli stabilimenti balneari, si pone il problema delle eventuali ricadute sanzionatorie sull’attività principale autorizzata e – in particolare – se può essere disposta la sospensione dell’attività stessa dello stabilimento balneare; ciò naturalmente in aggiunta alle misure sanzionatorie ed interdittive specifiche indirizzate all’attività danzante svolta abusivamente.

Del caso si è peraltro occupata la giurisprudenza amministrativa, proprio perchè da alcuni anni l’attività di stabilimento balneare, che ha subito una perentoria trasformazione  ampliativa,  comprende oramai molteplici e ulteriori attività tra qui quella di trattenimenti danzanti, esercitate in virtù di autonomi titoli autorizzatori ma pur sempre concentrate in un unico spazio e favorite dall’esercizio dello stabilimento balneare.

Può dunque affermarsi che viene così data vita ad una “unica” attività imprenditoriale.

Nello specifico dei trattenimenti danzanti, il successo di tali attività moltiplicatesi da alcuni anni presso gli stabilimenti balneari trae un evidente vantaggio proprio da detta ubicazione,  risultando particolarmente appetibili e fruibili.

In sostanza l’attività balneare assurge a  veicolo di promozione per le ulteriori attività aggiuntive, in primis quella di trattenimenti danzanti.

Ciò, sotto il profilo giuridico,  consente di individuare l’attività dello stabilimento balneare come l’attività principale, per cui eventuali irregolarità (o eventuali totali abusività) relative alla attività danzante  non possono non determinare un abuso del titolo di base, ossia dell’autorizzazione ad esercitare lo stabilimento balneare.

L’art. 10 del Tulps dispone che “le autorizzazioni di polizia possono essere revocate o sospese in qualsiasi momento, nel caso di abuso della persona autorizzata”.

Pertanto, l’organizzazione presso lo stabilimento balneare di trattenimenti danzanti non autorizzati, o comunque svolti in violazione dei titoli autorizzatori eventualmente posseduti, può ragionevolmente e legittimamente determinare la misura sanzionatoria interdittiva della sospensione o della revoca del titolo principale per l’attività balneare ai sensi dell’art. 10 del Tulps.

 

 

 

 

 

 

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

P.zza G. G. Belli, 2 - 00153 Roma
Tel.: +39 06 583921 Fax: +39 06 58348955
silb@pec.it

info@silb.it

© 2013 - 2015 SILB - Tutti i diritti riservati - C.F. 97016090587 | Privacy Policy | Informativa utilizzo cookies| Powered by SIXTEMA S.p.a