Bevande alcoliche: illegittima l’ordinanza del Sindaco che limita gli orari di vendita delle bevande alcoliche.

Bevande alcoliche: illegittima l’ordinanza del Sindaco che limita gli orari di vendita delle bevande alcoliche.

Per il TAR, il Sindaco non ha competenza ad imporre orari per limitare la vendita delle bevande alcoliche per questi motivi:

  • impossibilità di utilizzare l’art. 50, 7° comma del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267 in quanto una disciplina limitativa non ha attinenza con l’apertura dell’esercizio commerciale e quindi con la materia degli orari delle attività commerciali, che tra l’altro sono stati liberalizzati dall’ art. 3, comma 1, lett. d-bis del d.l. 4 luglio 2006 n. 223; “ove si dovesse riportare la possibilità di regolamentare la vendita di bevande alcoliche alla disciplina in materia di orari degli esercizi commerciali, la conseguenza inevitabile sarebbe quindi l’intervenuta abrogazione della detta possibilità, per effetto del definitivo passaggio ad un regime di completa liberalizzazione dei detti orari”; 
  • ingiustificata previsione dell’art. 54 del d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267, in considerazione del carattere non contingibile ed urgente del provvedimento (ed a questo proposito, il carattere strutturale del provvedimento non è certo escluso dal fatto che sia prevista una verifica in ordine all’efficacia della misura, una volta decorso un primo periodo applicativo, senza però che tale verifica esplichi effetto automaticamente caducativo dell’efficacia del provvedimento).

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

P.zza G. G. Belli, 2 - 00153 Roma
Tel.: +39 06 583921 Fax: +39 06 58348955
silb@pec.it

info@silb.it

© 2013 - 2015 SILB - Tutti i diritti riservati - C.F. 97016090587 | Privacy Policy | Informativa utilizzo cookies| Powered by SIXTEMA S.p.a