Dehors : per realizzarli occorre il permesso di costruire

Dehors : per realizzarli occorre il permesso di costruire

A cura dell’Avv. Attilio Pecora

 

I dehors vengono sempre più frequentemente utilizzati dai pubblici esercizi di ristorazione e, spesso, anche dalle discoteche per organizzare servizi pre-trattenimento o semplicemente per accogliere la clientela in attesa di accedere all’interno del locale.

Si pone pertanto il problema della qualificazione giuridica di tali strutture, soprattutto sotto il profilo urbanistico-edilizio per individuarne correttamente il sistema autorizzatorio.

Spesso si ritiene, erroneamente, che i dehors – una volta ottenuta dall’Ente competente l’autorizzazione all’occupazione del suolo pubblico ove ubicarli – siano liberamente installabili in quanto realizzati con materiali precari e destinati ad un uso transitorio o comunque periodico.

La giurisprudenza amministrativa si è occupata di detta problematica ed è oramai consolidato l’indirizzo che afferma invece, per la installazione di tali manufatti, la necessità del permesso di costruire ex art. 10 del d.P.R. n. 380/2001.

I dehors si presentano solitamente come l’insieme di elementi mobili smontabili e facilmente amovibili, normalmente ubicati su suolo pubblico, attrezzati con pedane, arredi di tavoli e sedie, chiusi perimetralmente con teli plastificati e posti al servizio di pubblici esercizi.

Orbene, un’opera edilizia può dirsi “precaria” – ed in quanto tale non bisognevole di permesso di costruire – solo quando è caratterizzata appunto da una precarietà non solo strutturale ma soprattutto  funzionale; ciò significa che l’utilizzo di strutture agevolmente smontabili e amovibili non è da sola circostanza sufficiente ad escludere la necessità del suddetto titolo autorizzatorio.

Occorre difatti, principalmente, che la “funzione” sia precaria, cioè che il manufatto sia effettivamente destinato a soddisfare esigenze temporanee.

La giurisprudenza ha sul punto statuito, oramai pacificamente, che i dehors non rispondono ad esigenze temporanee in quanto sono stabilmente legati al perdurante esercizio dell’attività commerciale; il che determina l’irrilevanza della loro agevole smontabilità.

A ciò consegue pertanto la obbligatorietà del permesso di costruire, la cui eventuale carenza è sanzionata sotto il profilo penale in aggiunta alla misura amministrativa della riduzione in pristino.

Occorre altresì ovviamente anche munirsi della autorizzazione all’occupazione del  suolo pubblico da parte del Comune.

 

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

P.zza G. G. Belli, 2 - 00153 Roma
Tel.: +39 06 583921 Fax: +39 06 58348955
silb@pec.it

info@silb.it

© 2013 - 2015 SILB - Tutti i diritti riservati - C.F. 97016090587 | Privacy Policy | Informativa utilizzo cookies| Powered by SIXTEMA S.p.a