Disinformazione e luoghi comuni: la discoteca ancora al centro dei fatti di cronaca

Dalle notizie circolate in questi giorni, pare che l’esecuzione sia avvenuta nell’androne di una palazzina popolare mentre il giovane faceva ritorno a casa alle 4 del mattino.

Eppure la maggior parte dei quotidiani nazionali titola “Giovane ucciso dopo lite in discoteca”, come se ci fosse qualche particolare responsabilità del locale per un avvenimento che si è sviluppato in un luogo completamente diverso. Anche in questo caso, il Silb si trova costretto ad appurare che le informazioni diffuse a mezzo stampa sono spesso distorte e fuorvianti ed offrono un’immagine della discoteca estremamente negativa danneggiando enormemente un intero settore che da anni si impegna ad assicurare ai propri clienti un divertimento sano e sicuro contro qualsiasi forma di violenza.