Nuovo accordo tra S.I.A.E. ed A.N.C.I. per l’utilizzazione della musica in occasione di eventi, gratuiti e non, organizzati dai Comuni.

Nuovo accordo tra S.I.A.E. ed A.N.C.I. per l’utilizzazione della musica in occasione di eventi, gratuiti e non, organizzati dai Comuni.

A cura dell’ Avv. Attilio Pecora

 

Nei giorni scorsi la SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) e l’ ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) hanno sottoscritto un nuovo accordo per regolamentare la disciplina delle utilizzazioni musicali durante gli eventi, gratuiti e non, organizzati dai Comuni.

La nuova intesa sostituisce la precedente risalente al 2002.

In attesa di conoscere in dettaglio il testo dell’Accordo,  si forniscono con la presente nota prime e sommarie informazioni circa i contenuti dell’intesa sulla base delle sole notizie di stampa, rilevando come la fonte indiretta imponga una prudente valutazione.

Va subito evidenziato che, rispetto al pregresso accordo, sono previste significative riduzioni dei costi per gli spettacoli organizzati dai Comuni, e  non solo, che negli ultimi anni hanno avuto una moltiplicazione esponenziale.

L’accordo introduce, inoltre, due importanti interventi per la determinazione del diritto d’autore sui contributi che prevedono la riduzione dal 50% al 35% della quota di contributi da prendere a riferimento per la base di calcolo, e la possibilità per l’organizzatore di optare per un sistema forfettario, attraverso il pagamento di un importo aggiuntivo commisurato alla capienza del luogo in cui si svolge l’evento.

È previsto anche un aumento, dal 10% al 15%, della riduzione concessa sui compensi fissi dovuti per le manifestazioni gratuite.

Ma la principale novità – che è poi quella che suscita maggiori apprensioni e timori nelle aziende che di fatto soffrono la “concorrenza” di tali eventi –  riguarda l’estensione dell’Accordo anche “ad altri soggetti organizzatori, purché partecipati dai Comuni o che organizzano eventi per conto degli Enti Locali, oltre che ad organismi controllati dagli Enti Locali e ad Associazioni no profit che organizzano eventi per conto del Comune”.

Appare superfluo sottolineare come una platea cosi vasta ed indistinta di fruitori, in aggiunta alle nuove condizioni economiche di maggior favore, rischia fondatamente di generare – in mancanza di stringenti controlli – non solo un ulteriore accrescimento del numero di detti eventi, ma soprattutto un inasprimento del fenomeno del falso no-profit, il quale già ora ha dimensioni incontrollate e provoca danni gravissimi alle aziende del settore dei trattenimenti e degli spettacoli.

Infine, sotto il profilo tecnico-procedurale, i Comuni potranno ora ottemperare agli obblighi connessi al diritto d’autore mediante l’accesso ad una procedura semplificata e completamente online attraverso la quale tali Enti, e gli altri soggetti contemplati nell’accordo, avranno anche la possibilità di richiedere il rilascio dei permessi attraverso il portale online e compilare i programmi musicali utilizzando la piattaforma web mioBorderò.

 

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

P.zza G. G. Belli, 2 - 00153 Roma
Tel.: +39 06 583921 Fax: +39 06 58348955
silb@pec.it

info@silb.it

© 2013 - 2015 SILB - Tutti i diritti riservati - C.F. 97016090587 | Privacy Policy | Informativa utilizzo cookies| Powered by SIXTEMA S.p.a