Tari: Silb-Fipe, non siamo disposti a cedere

Tari: Silb-Fipe, non siamo disposti a cedere

 

Lo afferma Maurizio Pasca, presidente del Silb, l’associazione che riunisce gestori e proprietari di discoteche e locali serali aderente a Fipe-Confcommercio.
 
La protesta esplosa a Rimini sulla nuova imposta per i rifiuti non si ferma certo nella riviera romagnola, ma rimbalza a Roma per essere rilanciata a livello nazionale.
In base alle nuove disposizioni, secondo un calcolo a spanne effettuato dal Silb, un locale di 600 mq andrebbe a pagare fino a € 17.000.
 
La cifra è considerata spropositata soprattutto se viene messa in relazione con la produzione ridotta di spazzatura, infrangendo anche il principio ispiratore del Governo di far pagare di più a chi sporca di più. Nel divertimento serale, infatti, non c’è produzione di umido, né di plastica e ancor meno di carta. Il materiale, per così dire, più inquinante è il vetro che però è riciclabile. Anche per quanto riguarda l’indifferenziata, i volumi di produzione sono ridotti al minimo rispetto ad altre tipologie di attività economiche commerciali e industriali.
«Non vorremmo ritrovarci – ricorda Pasca – come nel paradosso di Roma, dove una discoteca si era vista recapitare da parte della municipalizzata un bollettino con un importo superiore a quello pagato per l’affitto».

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

P.zza G. G. Belli, 2 - 00153 Roma
Tel.: +39 06 583921 Fax: +39 06 58348955
silb@pec.it

info@silb.it

© 2013 - 2015 SILB - Tutti i diritti riservati - C.F. 97016090587 | Privacy Policy | Informativa utilizzo cookies| Powered by SIXTEMA S.p.a