D.P.C.M. 8 marzo 2020

Manifestazioni in discoteche, pub, locali e assimilati sospese in tutta Italia fino al 3 Aprile 2020

Spiega da oggi i suoi effetti il DPCM dell’8 marzo 2020 che sospende l’attività di tutti i locali di Pubblico Spettacolo in Italia, a prescindere dal territorio in cui sono situati. In particolare, si evidenzia:

Art. 1

“Misure urgenti di contenimento del contagio nella regione Lombardia e nelle province di Province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano, Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia”.

Lettera g):

“sono sospese tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, ivi compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo, religioso e fieristico, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati; nei predetti luoghi è sospesa ogni attività;”

Lettera n):

“sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle ore 06.00 alle ore 18.00, con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro di cui all’allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

Art. 2

“Misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio Nazionale del diffondersi del virus COVID-19”.

Lettera c):

“sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione.”.

**

Nell’ambito dell’eccezionalità della situazione che stiamo vivendo, considerate le gravi problematiche e gli irreversibili danni economici subiti e subendi dalla nostra categoria quale conseguenza dell’adozione dei DPCM 1, 4 e 8 marzo 2020 che, nei fatti, azzerano il settore, promettiamo un altissima attenzione ed un intenso impegno dell’Associazione per ottenere ulteriori aiuti dal Governo e dalle Regioni.

È evidente che, essendo stati abrogati i DPCM 1 e 4 marzo 2020, le nuove disposizioni di cui sopra valgono per TUTTA la categorie e sono ineludibili.

Domani mattina vi daremo notizia dei comportamenti adottati da SIAE nel territorio Nazionale.

Ovviamente, terremo monitorato l’evolversi della situazione al fine di offrire, in tempo reale, una costante e precisa informativa ai nostri associati.