Novità sulla manifestazione di piazza

Tantissime adesioni, sui social di Maurizio Pasca, per la protesta di piazza organizzata da Silb a maggio. L’originaria idea di manifestare l’11 si è scontrata con la realtà dei fatti, ovvero con il pericolo di multe e di fermo della Polizia, vista la violenza con cui vengono sciolti anche semplici capannelli di giovani per la strada. Perciò la manifestazione verrà spostata a data da destinarsi, sempre a Roma.

Sono state avanzate al Governo richieste precise. La lunga lettera inviata negli scorsi giorni, che ha fatto seguito a quella del 28 marzo, reca soluzioni precise. Dopo la decisione di stanziare a favore degli artisti, interpreti ed esecutori il residuo attivo della procedura IMAIE in liquidazione, pensiamo sia il momento di agire in tutela di 400.000 lavoratori, 2.500 aziende e 4 miliardi di fatturato.

Le istanze sono tante e legittime: abolizione dell’ISI, sospensione delle utenze, riduzione dell’IVA al 10%, inibitoria dello sfratto per morosità per immobili di categoria D3 e D8, sospensione delle esecuzioni immobiliari, saldo dei pagamenti arretrati dovuti dalle amministrazioni pubbliche e dagli enti pubblici, previsione di un credito di imposta per locali e botteghe. Viene richiesto altresì un buono a fondo perduto per le imprese dello spettacolo e dell’intrattenimento, atto a bilanciare il danno subito a causa dell’emergenza che per l’anno potrebbe superare quota 600 milioni.